MENU
Il vocabolario del webmarketing

Newsletter

Cos'è una newsletter

La newsletter è uno strumento per inviare email a una lista di destinatari iscritti al servizio di un sito web per aggiornarli su un determinato argomento.

A cosa serve una newsletter

Con la definizione di newsletter s’intende una sorta di bollettino che un’azienda, un professionista, un’associazione invia a un database di persone che hanno deciso di registrarsi al form di contatto.

In questo modo gli iscritti ricevono direttamente nelle casella di posta elettronica novità, promozioni e iniziative che ruotano intorno a un tema d’interesse. Il servizio può essere gratuito o a pagamento.

Oltre ad essere un canale informativo a basso costo, la newsletter è utile per far conoscere contenuti e portatre traffico al sito web, Con questo prodotto puoi fidelizzare il pubblico e trasformarlo in uno strumento per fare email marketing, partendo da una mailing List solida da segmentare e analizzare.

Differenza tra DEM e newsletter

DEM e newsletter sono la stessa cosa? No, la newsletter ha un fine informativo. Serve a mantenere alta l'attenzione del pubblico e stabilire un contatto stabile.

La DEM (direct email marketing) ha come obiettivo concreto la promozione e la vendita di prodotti e servizi senza una cadenza precisa per non infastidire gli iscritti.

All’interno di una strategia di comunicazione aziendale una soluzione non esclude l’altra.

Come creare una newsletter efficace

La realizzazione di una newsletter si basa su due aspetti essenziali: un layout curato e un messaggio che sappia conquistare il lettore. Per quanto riguarda il layout, a vincere è la semplicità, design responsive, elementi visivi ordinati gerarchicamente e pochi colori ma ben combinati.

Come scrivere una email perfetta? Il primo passo è quello di inviare contenuti esclusivi e di qualità, magari riservati solo alla tua lista contatti. Poi devi dedicare massima attenzione a diversi aspetti. Ad esempio:

Esempi di newsletter: il successo di Ann Friedman

Tra gli esempi di newsletter che funzionano c’è quello di Ann Friedman. La giornalista freelance ha puntato alla qualità dei contenuti e alla riconoscibilità del brand. Senza dimenticare la pubblicazione regolare che costruisce nel tempo un rapporto intimo e di fiducia con gli iscritti.

Ann Friedman collabora con realtà importanti nel mondo del giornalismo: dal New Yorker al Newsweek fino al New York Times. La sua newsletter conta oltre 25 mila iscritti.

Le sue email vengono inviate ogni venerdì in due versioni: una gratuita e l’altra a pagamento. Cosa racconta Friedman nei messaggi di posta? Il suo punto di vista sul luogo in cui vive o sul lavoro che svolge.

Comunica in un modo tutto suo, con uno stile che si differenzia dagli altri. Le email che hanno riscosso maggior successo contengono una serie di link su “Cose grandiose da leggere”.

Dalle pagine del Corriere della Sera racconta: “Ho cominciato in parte perché era utile mettere insieme tutte le cose che meritavano davvero attenzione, e poi perché, da freelance, era un modo per spedire ogni settimana il mio nome nella posta degli editor che dovevano pubblicare i miei articoli. Tutto quello che vedete ha un unico autore che sono io e credo che sia parte dell’appeal: rende tutto più umano, più caldo”.